Lightland Soluzioni Energia srl

è PREMIER PARTNER SUNPOWER, Agisce come una ESCo essendo certificata presso il GSE per la richiesta dei certificati bianchi ed è Operatore di Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica nonchè iscritta al Registro e attiva nelle contrattazioni bilaterali dei Certificati Bianchi

Lightland partner certificato SunPower per gli impianti fotovoltaici

ACCUMULO E BATTERIE PER FOTOVOLTAICO NUOVA PARTNERSHIP 

LIGHTLAND POWERWALL TESLA (VISITA IL SITO E CONTATTACI)

CONTATTATE la Lightland al Numero 0577 579747 per il vostro Risparmio Energetico

Preventivi Fotovoltaico Toscana

IMPIANTI FOTOVOLTAICI TOSCANA SunPower di Lightland Soluzioni Energia Srl

Premier Partner SunPower

Con Lightland puoi richiedere:

i Certificati Bianchi,

lo Scambio sul Posto 2016,

la Detrazione Fiscale 2016

Con noi avrai il meglio per il Risparmio energetico!!!!

CONTATTACI, COMPILA IL FORM

richiedi_un_preventivo_per_il_fotovoltaico_solare


 

Impianti fotovoltaici Toscana

Certificati Bianchi Toscana

La Lightland Soluzioni Energia srl può agire da ESCo (Energy Service Company) essendo certificata per la richiesta dei Certificati Bianchi presso il GSE e come operatore sia sul Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica che al Registro, attraverso le Transazioni Bilaterali.

Quindi possiamo offrire una ULTERIORE OPPORTUNITA' DI RISPARMIO e di GUADAGNO attraverso i certificati bianchi. Come?


Sei una AZIENDA o un PRIVATO che ha realizzato un impianto fotovoltaico con le seguenti caratteristiche:

1) POTENZA MINORE di 20 kWp

2) ALLACCIATO NEGLI ULTIMI 12 MESI

3) che NON ha goduto della detrazione fiscale

 

CONTATTACI allo

0577 579747

oppure all'indirizzo email

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


chiederemo per te i CERTIFICATI BIANCHI (ti applicheremo una ottima condizione in denaro e ti pagheremo con velocità)!!!!


I Certificati bianchi, che la Lightland può richiedere per te, detti anche “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE) sono i titoli negoziabili che certificano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia. Questi risparmi devono essere ottenuti attraverso interventi e progetti di incremento di efficienza energetica che saranno a loro volta ben controllati.

La legislazione italiana con i decreti ministeriali del 20 luglio 2004, in vigore nel gennaio 2005, ha previsto per la prima volta questi certificati bianchi fissando obiettivi quantitativi di risparmio di energia precisi così da mettere i distributori di energia elettrica e di gas naturale nelle condizioni di doverli raggiungere annualmente.

A questo punto i destinatari della iniziativa (soggetti obbligati) possono provvedere a conquistarsi questi certificati bianchi realizzando progetti di efficienza energetica con cui ottenerli “direttamente”, oppure passando attraverso altri soggetti. Praticamente li comprano, da chi ne ha in eccesso, come la Lightland, al mercato oppure al Registro dei Titoli di Efficienza Energetica, organizzato dal GME.

Tra coloro che possono presentare progetti per il rilascio dei certificati bianchi oggi ci sono soggetti obbligati e non. I primi sono imprese distributrici di energia elettrica e gas con più di 50mila clienti finali, i non obbligati, detti “volontari” sono ad esempio i distributori con utenza finale minore di quella prescritta oppure anche società di servizi, Energy Service Company, produttori, impiantisti. Oppure le organizzazioni soggette all’obbligo di nomina dell’energy manager.

Quindi scegliere Lightland significa scegliere una azienda che in proprio può richidere i Certificati Bianchi con indubbio vantaggio economico per il Cliente.

Certificati bianchi: valore

Ciascuno dei certificati bianchi di cui abbiamo parlato equivale al risparmio di una tonnellata equivalente di petrolio (TEP-Tonnellate Equivalenti di Petrolio). Questo TEP viene riconosciuto applicando le seguenti equivalenze: 1 tep = 11.628 kWh per quanto riguarda i combustibili (1 tep = 41,860 GJ). Oppure 1 tep = 5.347,59 kWh per i consumi elettrici (1 kWh = 0,187×10−3 tep).

Questa differenziazione è legata al fatto che per produrre uguali quantità di energia termica ed elettrica sono necessari apporti diversi di energia primaria. Ce ne vuole di più per la elettrica, quindi per un mancato consumo elettrico è riconosciuto un risparmio in termini di TEP maggiore rispetto all’analogo termico.

Certificati bianchi GSE

Il GSE, Gestore dei Servizi Energetici (GSE), dal 3 febbraio 2013 è la realtà che si occupa della valutazione e della certificazione dei risparmi correlati a progetti di efficienza energetici nell’ambito del meccanismo dei certificati bianchi che la Lightland Presenta. L’entità del risparmio energetico da conseguire per accedere al meccanismo dei certificati bianchi varia da progetto a progetto o, per lo meno, dalla tipologia generale e dagli interventi che vi sono inseriti.

La valutazione che il GSE effettua, quindi, non è affatto banale, come non banale l’impegno che i distributori di energia o i soggetti che vanno alla conquista dei certificati bianchi devono mettere. Vediamo qualche esempio: per interventi soggetti a valutazione considerata “standard” il risparmio per i certificati bianchi deve essere di 20 tep/anno, per gli interventi soggetti a valutazione analitica invece, ci vuole un minimo di 40 tep/anno, infine per quelli da valutare con metodo a consuntivo la soglia da raggiungere è di 60 tep/anno. Non è così semplice il meccanismo per chi ci si trova ad orientarsi ma con il proprio singolo caso si ragiona meglio che descrivendo i massimi sistemi del sistema dei certificati bianchi.

L’intervento che ciascuno dei soggetti coinvolti può proporre può essere a monte del processo produttivo di energia o presso l’utente favorendolo nella sostituzione di elettrodomestici e caldaie vecchi. Da “mandare in pensione” per fare posto a apparecchi a più alta efficienza e che danneggiano meno l’ambiente. Per convenzione la durata degli interventi è di 5 anni con alcune eccezioni per cui si arriva a 8 anni, come nel caso degli involucri edilizi o dell‘architettura bioclimatica.

Certificati bianchi TEE

Abbiamo accennato che i certificati bianchi possono essere ottenuti anche mercanteggiando con terzi soggetti, tale contrattazione può avvenire o tra gli interessati, Transazioni Bilaterali, o in uno specifico mercato gestito dal GME (Gestore dei Mercati Energetici).

Certificati bianchi ESCO-Lightland

Oltre che direttamente, i diretti interessati dai certificati bianchi, i distributori, possono realizzare gli interventi richiesti tramite società controllate e da società operanti nel settore dei servizi energetici (ESCO) autorizzate dall’Autorità. Questa strada nella realtà dei fatti è spesso una scelta obbligata per il fatto che il GSE considera solo pacchetti di risparmi così consistenti (da 20 certificati bianchi e più) da poter essere raggiunti solo dalla potenza massima di 19,9 kW, e solo se l’impianto è in una regione ben soleggiata.

Ecco quindi che una ESCO-Come la Lightland- può unire la produzione di più impianti piccoli presentando tutto assieme al GSE. Non difficile da credere, inoltre, la presenza di una buona dose di burocrazia che, se gestita dal singolo distributore piccolo, è molto frenante se non scoraggiante. Una ESCO intraprendente può poi proporsi per anticipare subito l’intero ammontare dei certificati bianchi di un certo numero di anni detraendo poi tramite compenso.

Un processo virtuoso perché così La Lightland può usare il denaro per garantire uno sconto immediato al cliente che a sua volta si trova davanti un bel vantaggio.

Certificati bianchi fotovoltaico

Anche chi produce energia con il fotovoltaico può ottenere incentivazioni tramite Certificati Bianchi che infatti contemplano nella loro natura tutte le forme di produzione da rinnovabili. Possono essere anche sommate fra loro. Interessante, soprattutto in questa attuale era post-conto energia.

E forse potrebbero andare ancora oltre, quanto a convenienza, ma sono bloccati dalle limitazione di taglia che spesso fanno discutere a chi si occupa di fotovoltaico più da vicino e si trovano a “sbattere” contro soglie che riguardano oltretutto quasi solo proprio il fotovoltaico.

Qualche numero per i certificati bianchi e il fotovoltaico per farci un’idea dei kW di cui stiamo parlando. Si stima che in Italia, un kW di fotovoltaico possa fruttare ogni anno un certificato bianco pari a circa 100 euro, oscillanti in borsa. Per un impianto domestico da 3 kW si avrebbero 300 euro l’anno dai certificati bianchi, in 5 anni arriviamo a 1.500 euro.

Impianti fotovoltaici Toscana Preventivi

Impianti_fotovoltaici_toscana_made_in_Italy impianti_fotovoltaici_toscana_home impianti fotovoltaici toscana logo gse

Benvenuti in Impianti fotovoltaici Toscana di Lightland

ItaliaFotovoltaica rappresenta un raggruppamento di aziende, che operano nel fotovoltaico in Toscana e nel resto d'Italia, impegnate nella progettazione ed installazione di generatori fotovoltaici chiavi in mano connessi alla rete elettrica nazionale sia per le imprese che per i privati residenti in Toscana. In Toscana promuoviamo l'installazione di generatori chiavi in mano nel rispetto del territorio in modo da poter ridurre, in Toscana, l'impatto generato dall'uso dei combustibili fossili utilizzando ove richiesto installazioni innovative (ad esempio tegole fotovoltaiche e sistemi a concentrazione). Nei nostri servizi in Toscana, oltre che la progettazione e installazione del generatore fotovoltaico, spiccano la rimozione dell'amianto, la costruzione ed installazione di pergole fotovoltaiche in legno e in altri materiali e il rifacimento dei tetti. L'installazione del fotovoltaico in Toscana può essere una valida alternativa agli investimenti classici perchè: sicuro, il cui rendimento viene da noi calcolato con precisione e certificato sul preventivo e che non dipende dalle instabilità economiche finanziare e politiche. Richiedendo un nostro preventivo on line attiverai non una azienda ma una rete di aziende che si prodigheranno per darti la migliore installazione al prezzo più basso che il mercato può sostenere. Richiedendoci un preventivo otterrai la migliore offerta.


Proponiamo preventivi e l'installazione di prodotti made in Italy e non in Toscana nella formula chiavi in mano che permetteranno ai nostri clienti di ottenere un reddito, che in 20 anni, sarà in grado di triplicare o più il capitale investito. ItaliaFotovoltaica nel preventivo ti proporrà sempre la migliore soluzione contrattuale con il GSE per massimizzare il rendimento del tuo investimento in Toscana. Che sia piccolo o grande impianto, qualunque sia la sua ubicazione in Toscana, su tetto, in facciata, a terra, su pensilina o serra, in qualunque regime previsto dal GSE, (scambio sul posto, vendita parziale o totale di energia) saremo in grado di effettuare preventivi contenenti la migliore soluzione possibile per l'installazione del tuo impianto solare fotovoltaico in Toscana.


Se stai pensando di chiedere un preventivo, acquistare e avviare l'installazione di un impianto solare fotovoltaico   in Toscana allora devi sapere che:

l'incentico GSE ventennale più il risparmio in bolletta per tutta la vita utile dell'impianto (oltre 30 anni),

permettono all'investimento sul solare fotovoltaico di essere un investimento sicuro e remunerativo cioè che supera il rendimento del 10% annuo del capitale investito,  

quindi richiedici un preventivo e... scegli ItaliaFotovoltaica per l'installazione del tuo impianto solare fotovoltaico in Toscana!!!

Perchè scegliere la rete ItaliaFotovoltaica per richiedere un preventivo e installare il fotovoltaico in Toscana?

1) Perchè la cooperazione tra le aziende presenti in Toscana ed estesa su tutto il territorio nazionale permette di agire sul mercato del "fotovoltaico chiavi in mano" spuntando contratti di acquisto con i fornitori di materiali (moduli fotovoltaici, inverter, strutture e cavi) estremamente vantaggiosi per noi e per il nostro cliente finale residente in Toscana RIDUCENDO DRASTICAMENTE I COSTI FINALI nel preventivo. Tale riduzione dei prezzi non è dunque dovuta all’abbattimento della qualità che a volte accade quando si effettua una ipotetica gara al prezzo più basso ma al volume di materiali richiesti ai nostri fornitori

2) Perchè avvalendoci della nostra rete di installatori qualificati su tutta la Toscana, e grazie al nostro volume di installazioni in Toscana e in tutta Italia, siamo in grado di minimizzare la spesa per la mano d'opera qualificata che non ha tempi morti tra una installazione e l'altra 

3) Perchè siamo impegnati da anni nel fotovoltaico, non commettiamo errori ne nei preventivi ne burocratici e colloquiamo direttamente con i Comuni della Toscana per i permessi e quindi siamo in grado di minimizzare i tempi di installazione e dei tempi di accesso agli incentivi GSE dedicati al fotovoltaico

4) Perchè proponiamo nei nostri preventivi, in Toscana e in tutta Italia, l'installazione di impianti fotovoltaici chiavi in mano composti da soli materiali di qualità sia per i moduli fotovoltaici che per quanto riguarda gli inverter, i cavi e le strutture di sostegno. Installiamo il generatore magistralmente ed infine, in Toscana, assistiamo il cliente ben al di là della classica garanzia divenendo suo partner per tutta la vita utile del generatore assicurando tempestività di intervento e disponibilità di materiali.

5) Perchè il cliente in Toscana ha, fin dalla richiesta del preventivo, un rapporto con professionisti del settore residenti in Toscana;

6) Perchè l’utente che richiede un preventivo verrà contattato dall’azienda Toscana più “vicina” al cliente della Toscana con conseguente abbattimento dei costi  tutto beneficio del cliente finale

7) Perchè essendo una rete di aziende che cooperano abbiamo ampia disponibilità di materiali in Toscana e non esistono tempi morti dal preventivo alla realizzazione degli impianti causati da indisponibilità di materiali o da indisponibilità di montatori, ingegneri e altro in Toscana

Richiedici un preventivo gratuito

J!Analytics per Impianti fotovoltaici Toscana, ItaliaFotovoltaica, 2011-2012, All right reserved